Fourghetti

Oggi vi racconto un’esperienza sensoriale molto gustosa. Domenica scorsa sono stata al Fourghetti, ristorante dello chef stellato Bruno Barbieri. Chef Barbieri, conosciuto ai più per l’esperienza di giudice in Masterchef, vanta la sua esperienza dietro ai fornelli dalla fine degli anni settanta. Esperienza che gli ha valso anche diverse stelle Michelin e varie forchette del Gambero Rosso. Dopo aver passato un periodo in Brasile, nel 2016, ha aperto un bistrot vicino al centro di Bologna. Ed è lì che sono stata a pranzo domenica scorsa. Il bistrot è arredato in stile industriale con qualche richiamo al colore acceso e all’oro. Le luci sono soffuse ma il locale ha delle bellissime vetrate che fanno entrare la luce naturale. Noi eravamo un gruppo di 8 ragazze e ci hanno destinato un delizioso spazio dietro un separè di specchi. Il personale è estremamente attento alle necessità dei commensali ma non invadente. Il menù è una rivisitazione della cucina tradizionale emiliana senza però estremizzarla troppo volgendola alla modernità. I gusti sono raffinati e ben delineati. In fase di prenotazione, essendo un gruppo abbastanza numeroso, abbiamo dovuto scegliere un menù fisso. Avevamo scelto il menù di carne ma anche quello di pesce doveva essere molto buono. Ci hanno accolto con un’entreè di polpettine di agnello al pomodoro. Abbiamo proseguito con carpaccio di manzo su una deliziosa e leggerissima salsa tonnata. Ci siamo inchinate davanti al gusto importante dei tortellini in fonduta di parmigiano. Il nostro palato ha esultato inondato dalla scioglievolezza del maialino in salsa di mele. Ed, infine, siamo letteralmente impazzite per la stellata coppa machiavelli: una base di crema alla vaniglia con pallina di gelato al mascarpone, frutti di bosco freschi irrorati dal lambrusco infuso come fosse una sangria. Che vi posso dire? Semplicemente che il menù aveva tutto il gusto dei ricordi dell’infanzia. Quei gusti della tradizione che riunivano le famiglie attorno alla tavola la domenica. Gusti semplici e radicati nella nostra storia e, in questo caso soprattutto in quella emiliana, che son stati soltanto adattati a un piatto da chef stellato con grande maestria. Le porzioni non sono misere, sono come quelle che potresti mangiare normalmente. Non ci si alza con la fame come potrebbe accadere in altri ristoranti. La scelta della materia prima è curata e si sente che i prodotti sono di altissima qualità. Il prezzo, per quello che si mangia e per l’ambiente in cui si mangia, è moderato. È un’esperienza che mi sento di consigliare a tutti almeno una volta nella vita. Una coccola che ci meritiamo in questa giungla di chef ambiziosi e arrivisti ma spesso poco meritevoli della stella. Barbieri se le merita tutte. Chapeau Chef!

2 pensieri su “Fourghetti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...