DON’T CALL ME TRAVEL BLOGGER: SONO TORNATA DALL’AMERICA

Ciao a tutti! Sono @alisinwondercounty e sono tornata dagli Stati Uniti d’America.

Come potete vedere dalla foto, sono stati giorni bellissimi quelli passati negli USA. Talmente belli, che ripartirei domani mattina: ogni momento è impresso in maniera indelebile nella mia mente. Ho imparato tante cose nuove, ho visto tante cose bellissime e ho conosciuto sul mio percorso tante persone: ho imparato a guardare queste persone, quelle che mi stanno vicino ogni giorno e tutte le cose in generale con un occhio diverso.

Si, viaggiare ti apre la mente! Questa non è per nulla una frase fatta, è una realtà.

Con questa esperienza ho capito che viaggiare significa muoversi di continuo e mettersi nei panni degli altri (a volte fisicamente).

Viaggiare, sopratutto se on the road, con i soldi contati, dovendo imparare le regole del paese in cui vai, che sono diverse, per certi versi opposte, rispetto a quelle del paese in cui vivi, significa imparare molte cose sulla sopravvivenza e su se stessi. A me è successo sopratutto di fare un’analisi della mia persona: chi sono? Cosa ho fatto sinora? Sono quella che ho sempre voluto essere?

Sono domande che mi sono posta spesso negli ultimi anni, ma questa volta il tono che ho usato nel pormele era estremamente diverso. Forse proprio per questo ho capito, finalmente, che non devo assolutamente ricriminare nulla a me stessa: ho sempre fatto ciò che ho voluto, scelte giuste e sbagliate, il tempo passa e io cambio ogni giorno. Non sono la scrittrice che avrei sempre voluto essere, ma potrei diventarlo. Ho affrontato cose difficili, ho avuto la fortuna di incontrare la persona giusta e di crescerci insieme.

Sono una persona fortunata e lo si vede dai sorrisi che ho in queste foto, dal sorriso che indosso ogni giorno quando mi alzo la mattina (e credetemi, da qualche mese a questa parte, ce l’ho davvero ogni giorno). Sono una persona semplice, che ama la famiglia e stare con gli amici.

Prossimamente vi racconterò cosa ho capito dell’America e più in qua, via via che la mia riflessione si farà più profonda, cosa ho capito grazie a questo viaggio in America e dove mi porterà il mio passaporto l’anno prossimo.

Per ora vi dico che non sono una travel blogger, ma mi piace pensare che muoversi e raccontare di questo movimento, sia fisico che mentale, faccia bene a me che scrivo e perché no, anche a voi che state leggendo.

@alisinwondercounty

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...