SFORNELLIRENE: MILANO NON SOLO DA BERE

Per il ponte del 2 giugno sono stata a Milano.

Non c’ero mai stata se non di passaggio. La trovo una bella città, ricca di opportunità. Anche a livello di cibo e sperimentazione.

Devo dire che in un giorno non ho avuto tempo di sperimentare quanto avrei voluto ma, guidata da consigli di vari amici che ci abitano, ho scelto alcuni posti interessanti di cui vi parlerò.

Sono arrivata circa all’ora di pranzo e, durante la giornata, ho fatto tre delle cose che son o più in voga nella città meneghina: brunch, aperitivo e sushi! Tre parole chiave da tenere presenti.

Detto questo vediamo in cosa mi sono imbattuta.

Il brunch viene servito dalle 10 alle 15 in gran parte dei locali che popolano la città. In genere il sabato e la domenica. Basta scegliere una delle tante bakery che sono davvero molto presenti nella zona dei Navigli. Noi per la precisione siamo state alla California Bakery. Lì servono un brunch prettamente americano quindi pancake, bagel, uova strapazzate, hamburger e club sandwich. Io ho assaggiato il pancake salato ma le mie amiche hanno ordinato sia le bagel che le uova strapazzate e le hanno descritte come buonissime. Anche il mio pancake con salmone fresco, formaggio spalmabile ed erba cipollina era ottimo. Un po’ pesante ma buono. Nell’attesa dei piatti ci hanno portato dei simpatici cestini con verdure a pinzimonio, salsine e pane bruscato ma anche acqua aromatizzata con menta e limone (un toccasana per il caldo che c’era a Milano sabato!) e spremuta di arancia. Devo dire che è stato davvero soddisfacente. Ve lo consiglio. A pomeriggio inoltrato abbiano avuto la fortuna di godersi un meraviglioso aperitivo all’ombra della “madunina” presso la terrazza Aperol. Inutile dirvi che lo spritz era il migliore che avessi mai bevuto. I camerieri passano con molti appetizer tra gli avventori dell’aperitivo. Non posso dare un giudizio perché non li ho assaggiati (ve lo avevo detto che il pancake era pesante!) ma avevano veramente un bell’aspetto. Fritti di ogni genere, mozzarelle rinfrescanti e tartine coloravano la terrazza affacciata su piazza del Duomo. Prezzo accessibile per la vista impagabile che offre e le pietanze servite che potrebbero tranquillamente sopperire alla cena. Invece noi a cena siamo andate. Precisamente sui Navigli, al Temakinho. Ristorante fusion giappo brasiliano. Una cosa mai sentita dalle mie orecchie ma che al palato ha risvegliato ogni papilla gustativa! Sushi freschissimo abbinato a elementi della cultura brasiliana. Colore, brio e sapore per un’eccellenza inaspettata. Potete assaggiare gamberi fritti in salsa di banana. Rolls con riso, salmone e fragole. Tutto ottimo. Da bere potete accompagnare il tutto con caipirinha alla frutta fatta con base cachaça o sake a scelta. Prezzo nella norma per un posto simile. La serata non è finita qui ma per quanto riguarda il cibo non ho altro da raccontarvi perché i posti più salienti li ho visitati il primo giorno.

La mia estate comincia così, con un viaggio nei sapori di una delle città più importanti d’Italia. La vostra come è cominciata?

P

s. Siccome tutto ciò è stato organizzato per l’addio al nubilato della mia amica Chiara direi che colgo l’occasione per fare i miei più cari auguri alla futura sposina anche qui sul blog! ♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡♡

#xoxo Irene Fedi

Un pensiero su “SFORNELLIRENE: MILANO NON SOLO DA BERE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...