DON’T CALL ME TRAVEL BLOGGER: LE MIE BEST MEMORIES

Ormai lo sapete. Sono una romantica nostalgica. Lo avrete capito leggendo i post di questa mia rubrica del sabato dedicata al mio primo vero viaggio.

Oggi apro una piccola parentesi e vi parlo un pó di me: oggi è il mio trentesimo compleanno e voglio tirare un pó le somme di questi miei primi anni di vita.

Primi perché di cose da fare ne ho ancora molte, ma sopratutto perché, a differenza di tanti altri miei coetanei, ho atteso con gioia questo giorno. Trovo che compiere quest’età non sia l’inizio della fine, l’arrivo della “vecchiaia” – anche se devo ammettere che ho un pó perso il gas che avevo quando ho compiuto i miei vent’anni – al contrario io credo che vi sia una sorta di presa di coscienza della propria giovinezza.

Hai trent’anni, sei giovane e puoi fare quello che vuoi, più di un ventenne o di un quarantenne, perché hai dalla tua parte un corpo che risponde agli stimoli – sempre che tu lo abbia allenato a farlo – e una mente che finalmente ragiona su più fronti e si interessa di cose che prima considerava inutili, ma che al tempo stesso non sono noiose.

Da un mese a questa parte sul mio profilo Instagram @alisinwondercounty ho pubblicato una foto al giorno presa dal mio album personale che mi ritrae da sola o in compagnia di quelle persone che hanno fatto la mia storia. Vi pubblico qui sotto la gallery.

L’ho fatto per me stessa; per dimostrarmi quanto sono cambiata, quanto è cambiato il mio modo di vedere le cose e vivere la vita.

L’ho fatto per ringraziare tutti coloro che mi sono sempre stati accanto e mi hanno aiutata e sopportata.

In ognuna di queste foto ci sono io, i miei amori, le mie emozioni. Questa gallery è un ottimo riassunto di me e del mio cambiamento. Mancano solo due persone all’appello: il mio babbo e la mia mamma; non c’è nessuna foto con loro perché loro fanno parte di me ed io raccolgo nella mia persona aspetti sia dell’uno che dell’altra. Quindi loro ci sono sempre, anche se non li vedete 😉

Chiudo questo inno ai miei trent’anni con una frase che rappresenta molto bene il mio cambiamento.

“La sorprendente scoperta che ho fatto .. È che non posso più perdere tempo a fare cose che non mi va di fare” cit. JEP GAMBARDELLA – LA GRANDE BELLEZZA (Paolo Sorrentino).

#xoxo Alice Lavoratti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...